Accedi | Non sei ancora registrato? Registrati
Lun 27 Mag 2019
A Come Azienda
Cerca nel sito:
Home Chi Siamo I Nostri Servizi Clienti Bandi e Leggi Case History Dove Siamo Link Contatti
Accedi per visualizzare tutti i bandi e le leggi di agevolazioni e contributi per le aziende Bandi e Leggi »

Settori

I Nostri Servizi

Cofinanziamento di progetti per la prevenzione, il recupero, riciclaggio e trattamento di rifiuti non rientranti nelle categorie giÓ servite da consorzi della filiera.


CIRCOLARE INFORMATIVA N° 10

Del: 11/07/2018


 

Cofinanziamento di progetti per la prevenzione, il recupero, riciclaggio e trattamento di rifiuti non rientranti nelle categorie già servite da consorzi della filiera.

 

Finalità e Oggetto:

La finalità del bando consiste nel prevenire e ridurre gli impatti negativi derivanti dall’attuale gestione dei rifiuti non serviti dalla filiera ordinaria, attraverso l’incentivizzazione di un uso efficiente delle risorse con attenzione al riciclaggio, al recupero e all’ottimizzazione del ciclo di vita dei materiali.

 

Ambito Territoriale:

Territorio nazionale

 

 

Settore di Attività

Enti di Ricerca ed enti pubblici, e privati che intervengano nella filiera della gestione dei rifiuti.

 

 

Soggetti beneficiari:

Possono partecipare gli organismi di ricerca singoli o associati, anche in forma temporanea con altri soggetti, pubblici o privati operanti nella filiera di gestione dei rifiuti. Questi ultimi possono essere enti e imprese coinvolti nel trattamento, recupero e riciclaggio dei rifiuti.

 

Criteri Generali, Finalità:

Sviluppo di progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale finalizzati ad incentivare l’ecodesign dei prodotti, l’allungamento del loro cliclo di vita e la corretta gestione dei relativi rifiuti.

I progetti devono essere finalizzati al raggiungimento degli obiettivi di riciclaggio e recupero dei minimi previsti dalla direttiva 98/2008/UE.

 

I progetti devono avere durata minima di 12 mesi e massima di 24. (Sono possibili delle proroghe ai sensi dell’art. 4 dell’avviso pubblico).

 

Spese ammissibili:

a)   Spese di management e di coordinamento del progetto in questione (a condizione che questa sia svolta da personale proprio dei soggetti coinvolti;

b)   Spese per il personale interno utilizzato nel progetto di ricerca;

c)   Spese per i servizi di consulenza utilizzati esclusivamente ai fini del progetto;

d)   Spese per l’acquisto di materiali strettamente connessi al progetto di ricerca;

e)   Spese per la fornitura di attrezzature (hardware, software e strumentazioni di misura);

f)    acquisizione di competenze tecniche, brevetti utilizzati ai fini dell’iniziativa;

g)   realizzazione di casi di studio e prototipi, compresi sistemi di monitoraggio;

h)   campagne di diffusione dei risultati;

i)     altri costi (come spese di viaggio, trasferte e missioni) volte allo svolgimento di campagne di monitoraggio e/o controllo.

 

Natura ed Entità del contributo:

Il contributo ammonta al 50% delle spese ammissibili.

L’importo dello stesso deve essere compreso tra 100.000 e 300.000 €.

 

Le risorse disponibili ammontano a 1,1 milioni di €.

 

Scadenza:

Le istanze di richiesta dei contributi devono pervenire entro e non oltre 90 giorni da quello della pubblicazione del bando sul sito del ministero dell’ambiente.

Il bando è stato pubblicato il 15 giugno 2018.

Quindi c’è tempo fino al giorno 13 settembre 2018

L’invio va fatto per via telematica all’indirizzo  PEC: dgrin@pec.minambiente.it